Sinodalità, Chiese e Città in dialogo a servizio del bene comune

Vatican News

A poche settimane dall’inizio in Vaticano della XVI Assemblea Generale Ordinaria del Sinodo dei Vescovi, a Castellaneta Marina (TA), il 24 agosto si terrà un incontro organizzato dalla diocesi. Il vescovo Iannuzzi: favorire il confronto tra fedi e comunità

Emanuela Prisco – Città del Vaticano

“Si tratta di un percorso che ha visto un biennio di ascolto sull’esperienza della comunione”, racconta monsignor Sabino Iannuzzi, vescovo di Castellaneta Marina dove nella serata del 24 agosto si svolgerà l’incontro “Sinodalità, Chiese e Città in dialogo a servizio del bene comune”. Oggi la diocesi si sta muovendo proprio nell’ambito del percorso familiare, di favorire il dialogo con la comunità e le diverse realtà religiose presenti sul territorio.

Ascolta monsignor Sabino Iannuzzi

All’insegna dell’ecumenismo

Sarà un evento interreligioso ed ecumenico a cui parteciperanno autorevoli voci delle comunità ecclesiali cattolica e battista, unitamente a quelle di importanti rappresentanti delle istituzioni civili che potranno approfondire dai diversi punti di vista quanto richiamato dal documento sinodale circa il modo di impegnarsi nel dialogo con le culture e le fedi senza compromettere la propria identità. Il presule scandisce che è importante la determinazione nel farsi voce di chi è ai margini e nel riaffermare che nessuno deve essere lasciato indietro. Giustizia e carità al servizio del bene comune per intessere una rete di reciprocità sul territorio.

Un progetto triennale

Nello spirito dell’Enciclica “Fratelli tutti”, come ricordato da Papa Francesco al n. 134, “abbiamo bisogno di comunicare, di scoprire le ricchezze di ognuno, di valorizzare ciò che ci unisce e di guardare alle differenze come possibilità di crescita nel rispetto di tutti. È necessario un dialogo paziente e fiducioso, in modo che le persone, le famiglie e le comunità possano trasmettere i valori della propria cultura e accogliere il bene proveniente dalle esperienze altrui”. Iannuzzi parla di un progetto triennale che prevede la dinamica tra comunità e famiglia e la cura che da essa ne deve derivare. A riflettere sul tema ci sarà anche monsignor Dario Viganò, Vice Cancelliere delle Pontificie Accademie per le Scienze.