Papa: la Chiesa d’Amazzonia testimone della sinodalità

Vatican News

Francesca Sabatinelli – Città del Vaticano

Le Chiese particolari dell’Amazzonia brasiliana testimoniano l’esperienza della sinodalità – come espressione di comunione, partecipazione e missione – alla quale tutta la Chiesa è chiamata. Papa Francesco, in una lettera inviata ai partecipanti, in Brasile, all’incontro di Santarém (IV Encontro da Igreja Católica na Amazônia Legal), sottolinea l’impegno di tali Chiese nel portare avanti le indicazioni dell’ultima assemblea sinodale, ricordando anche “con affetto e con gratitudine” la partecipazione di tutti coloro arrivati a Roma dal Brasile, nel 2019, per prendere parte alle sessioni del Sinodo per l’Amazzonia.

Volti amazzonici nella Chiesa

Francesco cita l’Esortazione Apostolica post-sinodale Querida Amazonia per ribadire il comune impegno a sognare “comunità cristiane capaci di impegnarsi e di incarnarsi in Amazzonia, fino al punto di donare alla Chiesa nuovi volti con tratti amazzonici”, spiegando, inoltre, come l’incontro in corso faccia “memoria di quello tenutosi 50 anni fa nello stesso luogo”, che “propose linee di evangelizzazione che segnarono l’azione missionaria delle comunità amazzoniche e che contribuirono alla formazione di una solida coscienza ecclesiale”.

Il coraggioso annuncio del Vangelo

“Siate coraggiosi e audaci e annunciate il Vangelo con nuovo impegno”, è quindi l’incoraggiamento del Papa ai partecipanti un centinaio di persone tra cardinali, vescovi, sacerdoti, religiosi, laici e donne, tra cui i rappresentanti dei popoli indigeni e delle comunità tradizionali, riuniti nel cuore dell’Amazzonia a 50 anni dal precedente incontro, nel 1972, per ricordare il testo che allora ne scaturì, il documento di Santarém. Nel corso dell’appuntamento, iniziato ieri, 6 giugno, con una celebrazione eucaristica, diversi presuli hanno ricordato le necessità di molte realtà dell’Amazzonia, che “hanno ancora veramente bisogno della Risurrezione”. Ad accompagnare l’incontro, importante momento per rafforzare la comunione tra le Chiese particolari dell’Amazzonia, è l’immagine pellegrina di Nostra Signora di Nazareth, Regina dell’Amazzonia.