Hebdomada Papae: il Gr in latino del 2 aprile

Vatican News

                                                           “HEBDÓMADA PAPAE”
                                                 Notítiae Vaticánae Latíne rédditae
                       Die secúndo mensis Aprílis anno bis millésimo vicésimo secúndo

(TÍTULI)
In paeniténtiae celebratiónibus apud Sancti Petri papálem Basílicam Vírginem Maríam ínvocat Póntifex: líbera nos a crudéli hoc et insáno bello.
Francíscus indigenárum legatiónes Canadénses convénit: “dolórem nostrum auscultávit”.
Cardinális Krajewski Pontíficis nómine árceram tradit ad Ucraínae genti opem feréndam.

Felícem exóptat diem Márius Galgano ómnibus haec verba, lingua Latína proláta, audiéntibus.

Ascolta il radiogiornale in latino

(NOTÍTIAE PRAECÍPUAE)
Die quinto et vicésimo mensis Mártii paeniténtiae celebratiónibus praesédit Summus Póntifex apud Sancti Petri papálem Basílicam, cuius finem fáciens precatiónem recitávit Consecratiónis cunctórum hóminum, nominátim Rússiae et Ucraínae, Cordi immaculáto Maríae. Páulo ante eádem in Basílica nonnúllis fidélibus reconciliatiónis sacraméntum ministrávit. Lóquitur Rosárius Tronnolone.
Francíscus in sella sédens coram Vírgine María, finem horróris ínvocat, qui iterábilis hódie non videbátur. Imágo est quae litúrgiam désignat, in Vaticána Basílica die Véneris praetéritae hebdómadae actam. Transáctis diébus cunctam Ecclésiam est cohortátus Póntifex ut commúniter oráret pro bello restringuéndo, quod Európam orientálem plus quam mensem cruentáre pergit. Ántequam consecrátio agerétur – quam cardinális Krajewski simíliter apud Sanctuárium Fatiménse celebrávit – Póntifex sua peccáta est conféssus et póstea vicíssim nonnúllis fidélibus reconciliatiónis sacraméntum ministrávit, intra paeniténtiae celebratiónes in Basílica. Inde ardéntia verba Maríae supplicatiónis sunt proláta: “Líbera nos a Bello, serva mundum ab atómicis minis. Éffice ut bellum deleátur, pacis mundo cónsule. Fac nos communiónis artífices”. Subsequéntibus diébus sǽpius eádem enuntiávit in Audiéntia Generáli, in Angélica Salutatióne aliísque occasiónibus, ut bellum propulsarétur “crudéle et pestíferum”.

Prima indigenárum legátio Canadénsis recépta est die duodetricésimo mensis Mártii in urbe Vaticána, interveniéntibus duábus audiéntiis. Una cum Pontífice delegátio fuit stirpis Métis cognominátae, áltera Inuit, comitántibus nonnúllis Epíscopis Conferéntiae episcopális Canadénsis. Audiéntia fuit pars illíus “veritátis, iustítiae ac reconciliatiónis itíneris”, quod locális Ecclésia suscépit, postquam quaedam grávia gesta exstitérunt. Refert Mónia Parente.
“Véritas, iustítia, sanátio, reconciliátio”. Hac “sárcina” onústi, Pontífici exhibénda cum Eóque communicánda, Romam venérunt, ad commúne iter suscipiéndum, quod probabíliter praetéritum non adímere, sed sanáre et árcere futúrum dolórem póterit. Partícipes trium Natiónum Canadénsium – quarum tértia, die Iovis praetérito, est recépta – grave arguméntum tractárunt, quod ad postréma decénnia sǽculi décimi noni áttinet, cum púeri indígenae coácti sunt occidéntis cultum suscípere. Qui cursus vexatiónibus et abúsibus peráctus est, quocum Ecclésiae étiam scholae implicabántur. His ex audiéntiis, explicávit sedes diurnariórum, “occasiónem nactus est Póntifex auscultándi ac ponderándi doléntes res gestas, quae per supérstites illíus loci innotuérunt”.

(NOTÍTIAE BREVÍSSIMAE)
Íterum páucis hebdómadis, Eleemosynárius pontifícius, cardinális Conrádus Krajewski, Leópolim se cóntulit, in Ucraína, árceram traditúrus, donátam et a Pontífice benedíctam, quae urbis Ucraínae potestátibus est concrédita, quo iam diu conflúere solent prófugi illíus Natiónis, a Rússico exércitu obséssae.
Háctenus satis, nova próxima hebdómada.

                                                         “HEBDOMADA PAPAE”
                                              Notitiae Vaticanae Latine redditae
                                                               2 aprile 2022

(TITOLI)

Il Papa alla celebrazione penitenziale in San Pietro supplica la Vergine: liberaci da questa guerra crudele e insensata.
Francesco incontra le delegazioni di indigeni del Canada: “Ha ascoltato il nostro dolore”.
Il cardinale Krajewski consegna a nome del Papa un’ambulanza per le operazioni di soccorso in Ucraina.

Un cordiale benvenuto a tutti voi da Mario Galgano e bentrovati a questa edizione del notiziario in lingua latina.

(SERVIZI)

Papa Francesco ha presieduto il 25 marzo la celebrazione penitenziale a San Pietro, al termine della quale ha recitato la preghiera di consacrazione al Cuore Immacolato di Maria dell’umanità e in particolare dei popoli di Russia e Ucraina. Poco prima aveva confessato alcuni fedeli in Basilica. Ce ne parla Rosario Tronnolone.

Francesco seduto solo su una sedia dinanzi alla Vergine Maria, mentre invoca la fine di un orrore che sembrava non più ripetibile. È l’immagine simbolo della liturgia svoltasi nella Basilica vaticana venerdì della scorsa settimana. Il Papa aveva invitato nei giorni precedenti tutta la Chiesa a unirsi alla sua preghiera per la fine della guerra che sta insanguinando da oltre un mese l’est dell’Europa. Prima dell’Atto di consacrazione – che il cardinale Krajewski ha celebrato in modo analogo dal Santuario di Fatima – il Papa si era confessato per poi confessare a sua volta dei fedeli, nell’ambito della liturgia penitenziale celebrata in Basilica. Quindi le parole intense della supplica a Maria: “Liberaci dalla guerra, preserva il mondo dalla minaccia nucleare. Fa’ che cessi la guerra, provvedi al mondo la pace. Fa’ di noi degli artigiani di comunione”. Il Papa nei giorni seguenti ha più volte levato appelli all’udienza generale, all’Angelus e in altre occasioni per chiedere la fine di una guerra “crudele e selvaggia”.

Una prima rappresentanza delle popolazioni indigene canadesi è stata ricevuta il 28 marzo in Vaticano, nel corso di due udienze successive. Assieme al Papa una delegazione di Métis e una di Inuit, accompagnati da alcuni vescovi della Conferenza episcopale del Canada. L’udienza è stata parte di quel “percorso di verità, giustizia e riconciliazione” avviato dalla Chiesa locale dopo la scoperta di una dolorosa pagina di storia. Il servizio di Monia Parente.
“Verità, giustizia, guarigione, riconciliazione”. Sono venuti a Roma con questo ‘bagaglio’ da presentare e condividere con il Papa, per intraprendere un percorso comune che probabilmente non riuscirà a cancellare il dolore del passato, ma potrà guarire e prevenire quello del futuro. Rappresentanti di tre nazioni di indigeni canadesi – la terza ricevuta giovedì scorso – hanno affrontato col Papa la drammatica questione riguardante gli ultimi decenni dell’800, caratterizzati da una politica di assimilazione forzata dei bambini indigeni alla cultura occidentale. Un processo che si svolgeva attraverso maltrattamenti e abusi che hanno coinvolto anche scuole gestite dalla Chiesa. Le udienze, ha detto la Sala Stampa vaticana, sono state un tempo “caratterizzato, da parte del Papa, dal desiderio di ascoltare e fare spazio alle dolorose storie portate dai sopravvissuti”.

(NOTIZIE)

Per la seconda volta in poche settimane, l’Elemosiniere pontificio, cardinale Konrad Krajewski, si è recato a Leopoli, in Ucraina, per portare un’ambulanza donata e benedetta dal Papa, destinata alle autorità della città ucraina, dove stanno affluendo, ormai da settimane, masse di profughi dal resto del Paese messo sotto assedio dall’esercito russo.

È tutto per questa edizione, a risentirci sabato prossimo alla stessa ora.