Hebdomada Papae, il Gr in latino del 1 giugno

Vatican News

Le notizie vaticane in lingua latina, con traduzione in italiano, in onda ogni domenica alle ore 12.30. In sommario oggi, il Papa all’udienza generale: finisca la guerra che è sempre una crudeltà. Francesco incontra i sacerdoti di Roma con meno di dieci anni di ordinazione in un clima di ascolto e dialogo. Il Santo Padre: non avere paura dei migranti

                                                               HEBDÓMADA PAPAE
                                               NOTÍTIAE VATICÁNAE LATÍNE RÉDDITAE
                                Die primo mensis Iúlii anno bismillésimo vicésimo tértio
(TÍTULI)
Finis tandem imponátur bello, ait Póntifex, quod in dies fit crudélius.
Romae presbýteros convénit Francíscus Papa usque ad decem annos ordinatiónis anniversárium recenséntes.
Pontíficis mónitum: Nolíte migrántes timére.

Salútem plúrimam ómnibus vobis audiéntibus núntios lingua latína dicit Maríus Galgano.

Ascolta il nostro radiogiornale in lingua latina

(NOTIZIAE)
In Audiéntia Generáli precatiónes póstulat Póntifex pro innocéntibus, qui víctimae sunt dimicatiónum in Ucráina, Palæstína, Myanmar aliísque terrárum orbis locis, dolórem suum osténdens potíssimum pro párvulis qui «subrídere desiérunt”, sícuti quos abhínc nonnúllos dies convénit. Refert Olga Sakun.

Francísci verba ad id referúntur, quod usu venit die quarto et vicésimo praetérito mensis Máii, cum in Urbe Vaticána turmam parvulórum Ucrainórum ac Palaestinénsium recépit in Die Mundiáli Parvulórum celebrándo. In Audiéntia obtútum fixit Póntifex in ómnibus terrárum orbis párvulis. Postulávit ínsuper, ut precatiónes pro púeris Ucráinis adiceréntur ac ne Palaestíni et Israëlítae e memória elaberéntur, qui multa patiúntur. «Finis tandem imponátur bello!», ex quo púeri veheménter dolent.

Postquam die décimo quarto mensis Máii presbýteros convénerat Francíscus quadragésimum et ultra sacerdotális ordinatiónis recenséntes annum, collóquium hábuit Francíscus apud Domum Piárum Discipulárum Divíni Magístri in Portuénsi regióne Urbis cum presbýteris, qui usque ad decem annos ab ordinatióne anniversárium recensuérunt. De his lóquitur Monia Parente.

Iunióres sacerdótes dioecésis «suae» visit Póntifex, quod áttinet saltem ad ordinatiónis annum, éxplicat epíscopus Míchaël Di Tolve, delegátus de diaconátus, cleri ac vitae religiósae cura, addens quod Summus Póntifex presbýteros auscultávit et cum eis mútuum diálogum instítuit.

(NOTÍTIAE BREVIÓRES)
Per televisíficum núntium, prae se feréntem precatiónes mense Iúnio agéndas, Francíscus cohortátus est ad orándum pro iis qui bellum ac famem effúgiunt, iter ex necessitáte suscipiéntes perículis violentiísque replétum, ut «recipiántur atque vitae item novae opportunitátes illis praebeántur».

Domus diurnariórum Sanctae Sedis moderátor, Matthǽus Bruni, assevérat Francíscum «rescivísse» de scriptis circa collocutiónem hábitam, cláusis iánuis, cum epíscopis Conferéntiae Episcopális Itáliae, dicens: «Nullátenus cúiquam iniúriam fácere vel homóphobis verbis quemquam lǽdere vóluit atque véniam ab iis petit, qui offénsos se putárunt».

Finem impónens primo Diéi Mundiális Parvulórum, qui duóbus diébus – scílicet vicésimo quinto et sexto mensis Máii – circa Pontíficem perpárvulos ex divérsis terrárum orbis regiónibus coadunávit, gratum ánimum suum iis osténdere váluit Francíscus Papa, qui hunc internationálem evéntum éffici studuérunt.

Haec ómnia sunt, quae dicénda putátum est; cétera nova próxima hebdómada. Valéte.

                                                              “HEBDOMADA PAPAE”
                                                   Notitiae Vaticanae Latine redditae
                                                                   1 giugno 2024

(TITOLI)
Il Papa: finisca la guerra che è sempre una crudeltà
Papa Francesco incontra i sacerdoti di Roma fino a dieci anni di ordinazione
Il Santo Padre: non avere paura dei migranti

Un cordiale benvenuto a tutti voi da Mario Galgano e bentrovati a questa edizione del notiziario in lingua latina.

(SERVIZI)
All’udienza generale, il Papa chiede preghiere per gli innocenti vittime dei conflitti, in Ucraina, Palestina, Israele, Myanmar e altri luoghi del mondo, esprimendo dolore per i piccoli che “hanno perso il sorriso”, come quelli incontrati qualche giorno fa. Il servizio di Olga Sakun.

Le parole di Francesco riportano a quando, lo scorso sabato 24 maggio, ha ricevuto in Vaticano un gruppo di piccoli ucraini e palestinesi arrivati a Roma in occasione della Giornata Mondiale dei Bambini. E Francesco, all’udienza, posa il suo sguardo su tutti i bambini del mondo. Ha chiesto dunque di pregare per i bambini ucraini e di non dimenticare la Palestina e Israele, che soffrono tanto. “Che finisca la guerra!”. I bambini soffrono.

Dopo l’incontro del 14 maggio con i preti dai 40 anni in su di ordinazione, mercoledì pomeriggio c’è stato un momento di ascolto e di dialogo presso la Casa delle Pie Discepole del Divin Maestro, in zona Portuense a Roma, con sacerdoti con meno di 10 anni di ordinazione. Ce ne parla Monia Parente.

Il Papa ha visto i preti più giovani della “sua” diocesi, almeno dal punto di vista della data di ordinazione, spiega il vescovo Michele Di Tolve, delegato dell’Ambito per la cura del diaconato, del clero e della vita religiosa. Il Santo Padre si è posto in dimensione di ascolto e di dialogo con loro, ha sottolineato il monsignore.

(NOTIZIE)
Nel videomessaggio con le intenzioni di preghiera per il mese di giugno, l’invito di Francesco è a pregare per coloro che sono in fuga dalle guerre o dalla fame, costretti a viaggi pieni di pericoli e violenze, affinché “trovino accoglienza e nuove opportunità di vita”.

Il direttore della Sala Stampa della Santa Sede, Matteo Bruni, riferisce che Francesco è “al corrente” degli articoli sulla conversazione, a porte chiuse, con i vescovi CEI e afferma: “Non ha mai inteso offendere o esprimersi in termini omofobi, e rivolge le sue scuse a coloro che si sono sentiti offesi”.

A conclusione della prima edizione della Giornata Mondiale dei Bambini, l’evento che per due giorni – 25 e 26 maggio – ha visto riunirsi a Roma intorno al Papa i più piccoli di ogni parte del mondo, Papa Francesco ha voluto esprimere la sua gratitudine a coloro che hanno reso possibile questo appuntamento internazionale.

È tutto per questa edizione, alla prossima settimana.