Gli studenti dell’Istituto ecumenico di Bossey in Vaticano

Vatican News

Nella Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani, la tradizionale visita in Vaticano degli studenti dell’Istituto di Ginevra fondato nel 1946 e visitato da Papa Francesco nel 2018 in occasione del 70.mo del Consiglio Ecumenico delle Chiese

Vatican News

Un’occasione di incontro per confrontarsi sui temi della comunicazione al servizio dell’ecumenismo. E’ quanto avvenuto stamani nella Sala Marconi di Palazzo Pio dove 34 studenti della Graduate School dell’Istituto ecumenico di Bossey di Ginevra hanno dialogato con il vice-direttore editoriale del Dicastero per la Comunicazione, Alessandro Gisotti, e Suor Bernadette Reis di Radio Vaticana-Vatican News.

Accompagnati dal reverendo Andrzej Choromanski, officiale del Dicastero per la Promozione dell’Unità dei Cristiani, gli studenti (religiosi e laici di diverse nazionalità e confessioni cristiane) stanno vivendo una settimana intensa di incontri in Vaticano, che culmineranno il 25 gennaio con la partecipazione all’udienza generale di Papa Francesco e alla celebrazione dei Secondi Vespri della Conversione di san Paolo apostolo, a conclusione della Settimana di preghiera per l’unità dei cristiani sul tema: «Imparate a fare il bene, cercate la giustizia» (Is 1, 17).

Il 21 giugno 2018, durante la sua visita a Ginevra al Consiglio Ecumenico delle Chiese, Papa Francesco si era recato a pranzo all’Istituto Ecumenico di Bossey, situato in un castello del XVIII secolo, a circa 25 chilometri dalla città elvetica. In questo Istituto, fondato nel 1946, vengono accolti studenti e ricercatori da tutto il mondo per periodi di specializzazione in teologia dell’ecumenismo, missiologia ed etica sociale.