Gallagher: in un mondo avvolto da tenebre, facciamoci costruttori di pace

Vatican News

Prosegue la visita in Croazia del segretario per i Rapporti con gli Stati cominciata il 30 maggio. In serata, la celebrazione della Messa per la festa della Madonna della Porta di Pietra, patrona di Zagabria. L’arcivescovo ha invitato a imparare dall’incontro tra Maria ed Elisabetta, al centro della liturgia, la capacità di vedere la presenza di Dio anche oggi: “Ogni volta che ci scuote una tragedia, si diffonde sempre la solidarietà. Non guardiamo soltanto alle bombe che cadono”

Adriana Masotti – Città del Vaticano

Nell’ambito della sua visita di tre giorni in Croazia, il segretario vaticano per i Rapporti con gli Stati e le Organizzazioni internazionali, monsignor Paul Richard Gallagher, ha presieduto questa sera, 31 maggio, a Zagabria la celebrazione eucaristica in occasione della festa della Madonna della Porta di Pietra, patrona della capitale croata. Nell’omelia il richiamo a saper cogliere l’opera di Dio anche in mezzo alle tante difficoltà e “distruzioni” di oggi, così come hanno saputo fare la Vergine Maria e la cugina Elisabetta che hanno creduto e sperato prima di vedere la realizzazione delle promesse di Dio.

L’immagine della Madonna, fonte di speranza

Monsignor Gallagher ha ricordato che l’immagine della Madonna della Porta di Pietra emersa intatta dalle rovine di quella porta, ingresso orientale all’antica città, a seguito di un incendio, per i suoi abitanti “afflitti e disorientati” era fonte di stupore e di speranza. “Oggi nel mondo non mancano scene di tragiche distruzioni”, ha affermato l’arcivescovo, causate da fenomeni naturali, ma anche “da quella umana insensatezza che Papa Francesco da tempo ha definito come ‘terza guerra mondiale a pezzi’ che si sta trasformando in un ‘vero e proprio conflitto globale’”. Per questo è importante guardare ancora a quell’immagine.

La vita, dono di Dio

Al centro della liturgia odierna, l’incontro tra Maria e Elisabetta, entrambe in maniera inaspettata future madri. Una maternità che sconvolge i loro piani, ha sottolineato monsignor Gallagher, ma che è accolta con gioia. Il suo pensiero va alle mamme di oggi: “La Madonna della Porta di Pietra – ha detto – accompagni tutte quelle donne che ricevono nel loro ventre il germe di una nuova vita, anche quando giunge inaspettata” e sappiano vederla come “un dono di Dio”. Ciò non sempre accade nelle nostre società, ha osservato il segretario per i Rapporti con gli Stati, ma per i credenti la vita va sempre promossa e difesa.

Alziamoci, in fretta, come fece Maria

Il Vangelo dice di Maria che “si alzò e andò in fretta” a trovare la cugina Elisabetta. Maria è così immagine di quella “Chiesa in uscita” tanto desiderata dal Papa. “Sia modello anche per noi – ha ribadito monsignor Gallagher – . Il Signore ci dia la forza di alzarci, di andare, di uscire incontro a chi soffre, a chi subisce le conseguenze del destino avverso o della cattiveria umana. Alziamoci, in fretta. Non possiamo rimanere con le mani in mano. C’è urgente bisogno di consolare gli afflitti, di incoraggiare i disperati, di operatori di pace”.  

Il passaggio dalla morte alla vita

Elisabetta e il marito Zaccaria avevano atteso per anni il dono di un figlio: “si erano forse messi il cuore in pace” quando il Signore dà ascolto alla loro preghiera realizzando la loro speranza. Nel “sì” alla volontà di Dio di Maria e nella trasformazione della rassegnazione in gioia per Elisabetta, la logica della Pasqua. “Quando sappiamo rinunciare ai nostri progetti per abbandonarci alla volontà del Creatore, lieta o triste che sia, è il mistero pasquale che opera in noi e si rivela in tutta la sua potenza”, ha sottolineato l’arcivescovo. 

Non solo bombe nel mondo, ma anche solidarietà

Maria e Elisabetta lodano il Signore non quando tutto avviene secondo il loro desiderio, ma nella certezza che Dio realizzerà le sue promesse. Un invito per noi “a vedere l’opera di Dio già presente nel mondo, sebbene in embrione”. Monsignor Gallagher ha quindi invitato ad aprire gli occhi, ad esempio, sulla solidarietà che scaturisce ogni volta di fronte ad una tragedia o alla “ferocia umana”. “Non guardiamo soltanto alle bombe che cadono e alla distruzione che portano – ha detto -. Il Signore, come ha preservato la Madonna della Porta di Pietra, sempre salva il bene, un piccolo gregge, che a volte diventa grande, come l’esercito di chi rischia la vita per alleviare il dolore delle vittime o per prevenire nuove tragedie”.

Testimoni della resurrezione, costruttori di pace

C’è bisogno dello sguardo delle due protagoniste della liturgia di oggi, ha affermato l’arcivescovo, “per vedere l’opera di Dio già in atto, in mezzo alla ‘cattiveria del mondo’”. Alla Madonna della Porta di Pietra, invocata in Croazia quale “Inizio del mondo migliore”, come aveva ricordato san Giovanni Paolo II in visita nel Paese 30 anni faGallagher ha chiesto per tutti il dono della pazienza. “Come Lei si è rivelata segno di speranza nel corso di una tragedia – ha concluso -, renda anche noi testimoni della risurrezione, nonostante tutto, per lodare Dio con la nostra vita per essere fin d’ora, in un mondo avvolto da tante tenebre, fari di luce e costruttori di pace”.