Chiesa Cattolica – Italiana

Balestrero: “Serve un impegno concreto per l’Etiopia”

L’arcivescovo rappresentante permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite e le altre organizzazioni internazionali intervenuto alla Conferenza sulla situazione umanitaria nel Paese africano afflitto da una profonda crisi

L’Osservatore Romano

Un’azione rapida, un sostegno «incrollabile» e uno sforzo globale «per portare sicurezza, stabilità e pace attraverso la nostra risposta collettiva ai bisogni umanitari dell’Etiopia». È quanto invocato dall’arcivescovo Ettore Balestrero, rappresentante permanente della Santa Sede presso le Nazioni Unite e le altre organizzazioni internazionali a Ginevra. Un Paese afflitto da una profonda crisi umanitaria che colpisce – ha ricordato il nunzio apostolico in un incontro  dedicato alla situazione nella nazione africana – un cittadino su sei, con oltre 4,4 milioni di sfollati interni e più di un milione di profughi. Queste le conseguenze di conflitti, epidemie, siccità.

Il ruolo della Chiesa

La Chiesa cattolica in Etiopia, sebbene minoritaria, svolge un ruolo fondamentale nel fornire e distribuire aiuti alle popolazioni: nel 2023, ha spiegato il presule, ne hanno beneficiato 6 milioni di persone, senza distinzione di credo. I progetti, per un totale di oltre 80 milioni di dollari, si sono concentrati principalmente su aiuti umanitari e sicurezza alimentare. «La Santa Sede rinnova il suo impegno», ha assicurato il nunzio apostolico, non come «un obbligo», ma secondo «un profondo senso di umanità condivisa».

Exit mobile version
Vai alla barra degli strumenti